Comunicato Stampa

Dal Febbraio 2014 esercito le funzioni di Sottosegretario di Stato del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti dapprima con il Governo Renzi e, successivamente, con il Governo Gentiloni.

Le deleghe conferitemi sono state: Piano Sud, Contratti Istituzionali di Sviluppo (tra cui la linea AV/AC Napoli – Bari), edilizia scolastica, reti idriche ed elettriche, autotrasporto e motorizzazione civile, concessioni autostradali.

Da quattro anni, in rappresentanza del Ministro, partecipo alle riunioni del CIPE, della Conferenza Unificata Stato-Regioni, della Cabina di Regia per Bagnoli, della Cabina di Regia per l’edilizia scolastica.

Ho rappresentato il Governo, in Aula e nelle Commissioni, in innumerevoli atti di sindacato ispettivo e nell’iter legislativo di qualificati provvedimenti (“Sblocca Italia”; nuovo codice degli appalti; riforma del Piano Strategico Nazionale della Portualità e della Logistica, per indicare, a titolo esemplificativo, i più rilevanti).

Ho partecipato, quale relatore ed in rappresentanza del Ministero, a decine di convegni, assemblee, tavole rotonde in tutta Italia.

Desidero segnalare, in modo specifico, il mio impegno per Benevento ed il Sannio, pronto a fornire adeguata documentazione di quanto di seguito esposto.

PATTO PER LA CAMPANIA (approvata dal CIPE nella seduta del 01.12.2016)

  • elettrificazione della linea ferroviaria Benevento/Avellino/Salerno – valore 230 mil € –
  • adeguamento tecnologico della linea ferroviaria Benevento/Napoli/via Cancello – valore  20 mil € –
  • ripristino linea ferroviaria Benevento/Pietrelcina/Morcone/Bosco Redole – valore 20 mil € –
  • completamento asse viario Fondo Valle Isclero – valore 9,4 mil € –
  • completamento asse viario Fondo Valle Vitulanese – valore 46,6 mil € –
  • finanziamento Università degli Studi del Sannio – valore 5 mil € –

CONTRATTO DI PROGRAMMA MINISTERO INFRASTRUTTURE/ANAS

  • strada a scorrimento veloce Benevento/Caserta (stralcio I lotto): l’opera è in fase di progettazione – valore 150 mil € –
  • strada a scorrimento veloce “Fortorina”: l’opera è stata inaugurata nel novembre 2014 nella tratta che va da Benevento a San Marco dei Cavoti; nel dicembre dello scorso anno è stato pubblicato l’avviso di gara per il lotto successivo; è in fase esecutiva la progettazione del lotto fino a San Bartolomeo in Galdo. – valore 225 mil €  –
  • raddoppio della SS 372 “Telesina”: l’opera, della complessiva lunghezza di 71 km, è stata approvata dal CIPE e l’ANAS, soggetto attuatore, è stata autorizzata ad indire la gara di appalto per la prima tratta Benevento/S.Salvatore Telesino, per l’importo di 460 milioni di euro. – valore 793 mil € –

ALTA VELOCITÁ / ALTA CAPACITÁ NAPOLI- BARI

È la più grande opera pubblica mai realizzata dallo Stato nel Mezzogiorno.

Il costo totale dell’opera, a vita intera, ammonta a 6.300 milioni di euro.

Le prime due tratte, Napoli/ Cancello  e Cancello/Frasso Telesino, sono già state appaltate alle ATI aggiudicatarie. Il terzo ed il quarto lotto, Frasso Telesino/San Lorenzo Maggiore ed Apice/Grottaminarda, hanno concluso l’iter procedimentale in data 18.12.2017 con la chiusura della Conferenza dei Servizi. Si è in attesa che RFI pubblichi i relativi avvisi di gara.

Ho seguito con scrupolosa attenzione tutte le opere pubbliche che lo Stato ha finanziato per il Sannio: dall’edilizia scolastica agli indennizzi per gli eventi alluvionali del 15.10.2015, dall’assegnazione delle residue rilevanti risorse per il terremoto del Novembre del 1980 ai finanziamenti per il risanamento idrogeologico, dai “6.000 campanili” ai bandi per le periferie degradate, dall’ <housing sociale> alla messa in sicurezza delle sponde fluviali, dai finanziamenti per l’invaso di Campolattaro a quelli per il recupero e la valorizzazione di immobili d’interesse storico-culturale.

Il Sannio, negli ultimi quattro anni, è stato destinatario di risorse pari a 3.5 Miliardi di euro, assegnate con leggi dello Stato, con delibere CIPE pubblicate in Gazzetta Ufficiale, con accordi di programma Stato/Regione Campania, con contratto MIT/ANAS e MIT/RFI.

Si tratta di risorse decisive per rimettere in moto la nostra economia, per assicurare occupazione diretta ed indotta, per dare al nostro territorio una prospettiva concreta di sviluppo e d’avvenire.

Senza alcuna enfasi, senza autocelebrazioni, senza appropriazione indebita di meriti, senza alcuna ricerca di vetrine o di luci della ribalta, peraltro estranee al mio profilo, posso affermare con serena coscienza e con grande orgoglio di aver servito lealmente lo Stato e di aver compiuto fino in fondo il mio dovere per la Città e la Provincia dove sono nato e dove, da sempre, ho vissuto.